Categories

Produzione a “scarti zero” per un arredo sostenibile

La sostenibilità ambientale è una sfida che coinvolge tutti i settori produttivi, incluso quello dell’arredamento. Impegnarsi nella creazione di un arredo sostenibile con il riciclo della plastica e la progettazione di prodotti che diano nuova vita a materiali di scarto è un valore aggiunto, che si traduce in risparmio di risorse, riduzione di emissioni e tutela del pianeta. 

I prodotti Colos sposano questa filosofia, offrendo sedute e tavoli di alta qualità, realizzati con materiali riciclati o riciclabili, nel rispetto dei più elevati standard di eco-compatibilità. Tutto questo avviene grazie all’oculato ed efficiente sistema produttivo negli impianti Cerantola.

Il modello produttivo a “scarti zero” di Cerantola

Tutti i prodotti Colos, interamente Made in Italy, sono realizzati nella sede veneta di Cerantola, azienda leader nella componentistica per sedie da ufficio e conferenza, così come per la produzione di sedute destinate all’ambito commerciale, residenziale e contract. Questa, azienda madre del brand, dispone di quasi 30mila mq di impianti produttivi, dove tutto è riciclabile e riciclato.

La sostenibilità è un valore imprescindibile per l’azienda, che ha scelto di adottare un modello produttivo a “scarti zero”. Questo significa che tutti i componenti della produzione che non rispettano i requisiti di colore o di qualità, vengono recuperati e riutilizzati per creare nuovi prodotti, minimizzando l’impatto ambientale. Inoltre, l’azienda sfrutta anche gli scarti provenienti da altri settori, trasformandoli in nuovi materiali sempre più ecologici.

Macchinari all’avanguardia per un arredo sostenibile

Per garantire una produzione efficiente e sostenibile, gli stabilimenti Cerantola impiegano macchinari sempre all’avanguardia, frutto di continui investimenti tecnologici. Stampi di precisione, presse con chiusura fino a 1.100 tonnellate, saldatura robotizzata, le migliori tecnologie di piegatura a 6 assi e molto altro: sono questi gli strumenti che consentono di ottenere risultati di altissima qualità, con un’attenzione costante al risparmio energetico e alla riduzione degli sprechi.

Di recente, è stata introdotta anche una nuova macchina per lo stampaggio della plastica ad alta efficienza, che permette di abbattere i costi energetici e di ottimizzare il consumo di materiale. Un altro nuovo passo per una produzione sempre più green.

La produzione circolare della plastica

Il polipropilene è uno dei materiali più utilizzati nella produzione di sedute e tavoli Colos, ma anche uno dei più problematici dal punto di vista ambientale. Per questo, gli stabilimenti Cerantola hanno adottato una soluzione innovativa e amica dell’ambiente: la produzione circolare della plastica.

Attraverso un processo di riciclo interno, il materiale plastico inutilizzato viene trasformato quotidianamente, evitando che diventi rifiuto. Gli scarti vengono così trasformati e riutilizzati per creare nuovi stampi, in un circolo virtuoso che riduce l’impatto ambientale e aumenta la qualità dei prodotti.

Le certificazioni dei prodotti Colos

La sostenibilità degli stabilimenti in cui sono realizzati i prodotti Colos non è solo una dichiarazione di intenti, ma una realtà certificata da organismi indipendenti. L’azienda può vantare due importanti certificazioni che attestano il suo impegno per l’ambiente: la certificazione ISO 14001:2015, assegnata da AQSCERT, che verifica il rispetto delle norme ambientali, e la certificazione ISO 14006:2020, assegnata da Certificarsi Eood, che valuta il grado di eco-design dei prodotti.

Per realizzare progetti in-door o out-door con un arredo sostenibile, Colos è dunque il partner ideale. La produzione a “scarti zero”, sostenibile, circolare e certificata garantisce qualità, bellezza e rispetto per l’ambiente, con una produzione che fa davvero la differenza per chi ama il design e il pianeta.

Malika si occupa di social e content per Cricket Adv. Ha collaborato con il MuDeFri (Museo del Design del Friuli) e nel tempo libero è volontaria del FAI (Fondo Ambiente Italiano).

    Lascia il tuo commento

    La tua mail non sarà pubblicata.*